Sessuologo Mirandola - Studio Marangoni & Lodi
15060
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-15060,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.2,vc_responsive
 

Sessuologo Mirandola

Sessuologo Mirandola. Studio Marangoni & Lodi

Sessuologo Mirandola. Dr.ssa Benedetta Marangoni. Ho svolto il Corso di Perfezionamento Clinico in Sessuologia presso il Centro Italiano di Sessuologia di Bologna di sono socia ordinaria e iscritta all’Albo.

Sessuologo Mirandola. Dr.ssa Marangoni

Sessuologo Mirandola. Dr. Marco Lodi. Nel 2012 ho svolto il Master in Sessuologia Clinica presso la Scuola Studi Cognitivi di Modena.

Sessuologo Mirandola. Dr. Lodi

Sessuologo Mirandola. Psicoterapia dei disturbi sessuali

Sessuologia e psicoterapia

EIACULAZIONE PRECOCE

Sessuologo Mirandola. L’eiaculazione precoce è una disfunzione dell’orgasmo maschile. Questa condizione si ha quando l’uomo eiacula prima della penetrazione (eiaculazione ante portas) o quando eiacula subito dopo la penetrazione, dopo le prime spinte pelviche (eiaculazione post portas). Il 40% degli uomini ne soffre. L’uomo affetto da questo disturbo non è in grado di controllare volontariamente il riflesso eiaculatorio e il rapporto sessuale risulta insoddisfacente per la coppia.

Sessuologo Mirandola. Il criterio di valutazione dell’eiaculazione precoce spesso è soggettivo, in quanto l’uomo lamenta una difficoltà nel prolungare l’atto sessuale con conseguente insoddisfazione. Nella maggior parte dei casi l’eiaculazione precoce non dipende da fattori organici ma psicologici, ed è completamente curabile.

SESSUOLOGO MIRANDOLA. DISFUNZIONI DELL'ECCITAMENTO SESSUALE MASCHILE - IMPOTENZA O DISTURBO DELL'EREZIONE

Il disturbo maschile dell’erezione è caratterizzato dall’incapacità di avere un’erezione adeguata tale da completare l’attività sessuale. Alcuni soggetti non riescono ad avere l’erezione sin dall’inizio del rapporto sessuale; altri invece hanno dapprima una normale erezione, ma la perdono tentando la penetrazione; altri ancora, pur avendo avuto un’erezione sufficiente alla penetrazione, hanno in seguito perso tumescenza e di conseguenza non hanno portato a termine il rapporto sessuale.

Come nel caso dell’eiaculazione precoce il disturbo ha spesso natura non organica bensì psicologica, e può essere di conseguenza superato con successo nell’ambito della psicoterapia.

SESSUOLOGO MIRANDOLA. DISFUNZIONI DELL'ECCITAMENTO SESSUALE FEMMINILE - FRIGIDITÀ E VAGINISMO

Il disturbo dell’eccitazione sessuale femminile è caratterizzato da una mancata capacità di risposta all’eccitamento sessuale che solitamente si manifesta con vasocongestione pelvica, tumescenza dei genitali esterni, lubrificazione e espansione della vagina. Il disturbo dell’eccitazione sessuale femminile può definirsi permanente se insorge sin dall’inizio dell’attività sessuale, acquisito se avviene dopo un periodo di normale attività sessuale, generalizzato se avviene in ogni situazione e con ogni partner, situazionale se legato a una specifica situazione o a un partner; può essere dovuto a fattori psicologici o a fattori combinati.

Questo disturbo causa notevoli disagi e si accompagna solitamente a disturbo dell’orgasmo. Durante il rapporto sessuale il disturbo dell’eccitazione femminile può essere causa di dolore dovuto a contrazioni involontarie dei muscoli perineali, dell’orifizio della vagina e della vulva, tali da impedire la penetrazione (vaginismo). La disfunzione si dice dovuta a condizione medica generale quando causata da una condizione medica ( come la menopausa con diminuzione degli estrogeni, il diabete mellito, vaginiti o trattamenti di radioterapia). Se sono presenti entrambi i disturbi allora si diagnosticherà un disturbo dell’eccitazione sessuale femminile dovuto a fattori combinati.

SESSUOLOGO MIRANDOLA. DISFUNZIONI DELL'ORGASMO FEMMINILE - ANORGASMIA

La disfunzione dell’orgasmo femminile è caratterizzato da una normale fase di eccitazione sessuale a cui però segue ritardo o assenza totale dell’orgasmo (anorgasmia). Il medico, per fare una diagnosi, deve tener conto dell’età, dei fattori culturali, biologici e psicologici della donna.

Le donne possono essere sensibili a vari tipi di stimolazione: solitamente le aree più sensibili sono il clitoride, la vulva, l’area periuretrale e l’ingresso della vagina, che se adeguatamente stimolate portano la donna all’orgasmo (orgasmo clitorideo). Le pareti interne della vagina sono invece meno innervate, al fine di rendere più tollerabile il parto. L’orgasmo vaginale si può raggiungere quando la donna è completamente rilassata, eccitata e ha un buon rapporto fisico e affettivo col partner.

Il disturbo dell’orgasmo femminile può definirsi permanente se insorge sin dall’inizio dell’attività sessuale, acquisito se avviene dopo un periodo di normale attività sessuale, generalizzato se avviene in ogni situazione e con ogni partner, situazionale se legato a una specifica situazione o a un partner; può essere dovuto a fattori psicologici o a fattori combinati. Questo disturbo può creare gravi disagi quali perdita di autostima, immagine distorta del proprio corpo, difficoltà nei rapporti di coppia.

Tutti questi diusturbi possono trovare un adeguato trattamento presso il Centro Sessuologo Mirandola. Studio Marangoni & Lodi.

Compi il primo passo. Contatta il Centro Sessuologo Mirandola Marangoni & Lodi